Chiunque può aprire discussioni postando la propria richiesta. E' garantito l'anonimato poichè è facoltativo inserire le proprie generalità. Non è necessario iscriversi. Alle richieste sono autorizzati a rispondere soltanto i counselor dello Staff. Coloro i quali hanno postato la propria richiesta alla quale successivamente i counselor hanno risposto, potranno nuovamente rispondere a loro volta rivolgendosi al counselor che ha fornito la risposta. Vi invitiamo per favore a inserire dei titoli ai vostri post che siano sintetici di quanto andate a scrivere o a chiedere, che richiamino cioè l'argomento oggetto del vostro post e non titoli generici come "richiesta info", "help", ecc. In questo modo, sarà facile per tutti individuare le discussioni che più ci interessano a seconda dei titoli e degli argomenti. http://www.servizisocialionline.it

Ordina messaggi: Vai a fondo pagina!
 

AutoreMessaggio
Scritto da:
Andrea

16-10-2018 - 18:58:37
IP Autore
Riconoscimento minore
Buonasera, ringrazio fin da subito chiunque dedichi un po’ del suo tempo a leggere questo mio post.
Il riassunto della storia è questo: la mia compagna ha una figlia di 9 anni avuto con una “persona” che per i primi 7 anni di vita della bambina è sparito, non l’accettava ne prima di nascere ne dopo. Un giorno di due anni fa ha iniziato le pratiche per il riconoscimento della piccola. Ovviamente ha iniziato ad inventare che la madre gli ha impedito di vedere la figlia e cose simil. Il riconoscimento gli è stato concesso e ora la bambina passa del tempo anche con il “padre” (week-end alterni e un giorno in settimana). Premesso ciò, il problema nasce dal fatto che la bambina è terrorizzata dal padre perchéquest’ultimo la minaccia ogni volta che la bambina non fa ciò che il padre le impone. Ad esempio se il padre dice di prenderla il mercoledì, anche se lei non vuole andare, gli dice di sì e poi corre da me a piangere. Posso aggiungere che spesso si ubriaca anche quando ha la figlia con se e si mette alla guida. Settimana scorsa la bambina è tornata a casa dopo il fine settimana con lui dicendo che il padre “andava di qua e di là” mentre camminava... detto tutto ciò la mia domanda è: dato che gli assistenti sociali e la psicologa che hanno seguito fin ora questa vicenda sono sembrati semplicemente poco adatti a questo mestiere facendo prevalere le scadenze previste anziché il lato umano, se fosse possibile un incontro tra me ed una nuova psicologa che è stata designata, oltre ovviamente al colloquio che avrà con i genitori naturali. Vi ringrazio per l’attenzione datami.
Scritto da:
dott.ssa Ivana Stella staff

17-10-2018 - 00:01:47
IP Autore
riconoscimento
Gentilissimo Andrea,
La ringraziamo di essersi rivolto a noi. La situazione e' piuttosto complessa, e quando si tratta di minori, diventa anche molto delicata. Le assicuro che assistenti sociali e psicologi stanno facendo il loro lavoro in modo da garantire al minore la situazione migliore possibile. E' chiaro che i risultati non si possono vedere subito e quindi inizialmente sembra che "non stiano facendo bene", ma col tempo si trovera' un equilibrio.
Cordialita'
Dott.ssa Ivana Stella
Scritto da:
Andrea

17-10-2018 - 20:37:29
IP Autore
Affidamento
Gentilissima dott.ssa la ringrazio per il tempo che mi ha dedicato. Io mi auguro che sia come dice lei per quanto riguarda l’operato delle sue collega anche se mi dissocio da questo. Ciò che non mi è ancora chiaro però è se posso avere un colloquio con loro. Grazie mille per l’attenzione
Scritto da:
dott.ssa Ivana stella staff

17-10-2018 - 22:01:49
IP Autore
riconoscimento
Se lei fa parte integrante della vita della persona minore, non vedo perche' non dovrebbe avere un colloquio, se lo desidera. Tutti gli operatori e gli specialisti lavorano per l'armonia nelle famiglie e se lei ne fa parte, a mio avviso puo' avere l'incontro che chiede, proprio per creare una situazione migliore possibile nella "famiglia allargata"
Cordilita'